1
2
3
4
5
6
7
8
9

Prali, Torino, 1999

Valorizzazione del complesso, percorsi interni e di visita alle gallerie, nuovi allestimenti di aree funzionali, punti di ristoro

 

Scopriminiera è un prodotto turistico di successo che ripropone la cultura materiale della Valle Germanasca attraverso un'esperienza coinvolgente: la riconversione del complesso estrattivo di Prali, dismesso da tempo per l'estinzione della vena del suo talco bianco delle Alpi, i percorsi di accesso, l'intervento sui percorsi esterni, necessario ai fini della sicurezza e dell'accessibilità. Attraverso un tunnel sotto strada si accede ad un percorso coperto in tavole di abete impregnato che conduce alla galleria superiore (Paola). La riqualificazione fisica e funzionale dei fabbricati esistenti (già proprietà Luzenac) e degli spazi esterni alle gallerie è stata affrontata con attenzione al contesto di riferimento. I piazzali, attraversati dalle rotaie che conducono le locomotive al riparo, diventano Musei all'Aperto e si popolano di memorie minerarie di cui recuperano linguaggi e colori; gli arredi esterni (punti picnic, punti informazione e segnalazione) recuperano le tecniche e i materiali tipici quali la tavola da ponte in abete  e le grafiche realizzate a stencil. Il Museo della Miniera, nella lunga tettoia vicina all'imbocco della galleria Paola, documenta la realtà sociale della Valle, la storia estrattiva del talco e la vita dei minatori attraverso reperti originali di epoche differenti. Il Viaggio in Miniera, fulcro dell'esperienza della visita, è il percorso didattico da compiersi con caschi e mantelline a bordo di un trenino minerario appositamente realizzato che si addentra per circa 1,5 km nella semioscurità della galleria. Le sagome nere dei minatori al lavoro, intagliate ad acqua in lastre d'alluminio, illustrano le attività della miniera con l'aiuto di emozionanti effetti luminosi e sonori. Nelle zone in cui i visitatori procedono a piedi è possibile visitare ambienti allestiti con macchinari originali, assistere alla simulazione di scavi e provocare una assordante "Volata" manovrando l'esploditore. 

 

Committenza: Comunità Valli Chisone e Germanasca

Miniere di talco