1
2
3
4
5
6
7

Concorso a due fasi “PLAN REVEL, abitare la montagna”

 

La proposta  ricerca la  massima integrazione con il paesaggio circostante sia nell’organizzazione del costruito sia nella distribuzione degli spazi verdi e accessori. Al fine di evitare la concentrazione di  consistenti densità edilizie, si è scelto di distribuire la volumetria prevista  in edifici di massimo 4 appartamenti  su due piani ottenendo un effetto complessivo più minuto ed articolato. Questa scelta permette, all’interno dell’orientamento privilegiato nord - sud,  la possibilità di leggeri scarti degli orientamenti delle  singole unità sia in funzione delle migliori viste ottenibili dall’interno degli appartamenti  che della desiderata naturalità del segno.  Come nella tradizione delle borgate montane, lo sviluppo dell’edificato persegue per successive  aggregazioni spontanee lungo le curve di livello della montagna. Si evita così di definire nuovi segni geometrici sul luogo, in favore del massimo adattamento all’orografia del sito. La distribuzione lineare del costruito suggerisce poi la creazione, fra i due lati edificati, di uno spazio interno comune pavimentato destinato al passeggio: è il luogo dell’incontro e della socialità. Su questo camminamento potranno affacciare le funzioni accessorie come  i servizi e gli spazi destinati al commercio di prossimità. Allineati  lungo il percorso, due piccoli e bassi laghetti naturali (è luogo del gioco e della scoperta per i più piccoli)  alimentano  un suggestivo ruscello interno. Le singole unità abitative ripropongono i materiali della tradizione montana: coperture a ripide falde con manto in pietra, apparecchiature murarie in pietra, serramenti  in legno. La tradizione viene tuttavia  reinterpretata in chiave contemporanea: le due testate nord e sud degli edifici sono in legno e vetro, mentre le falde del tetto sono in continuità con il paramento murario.  Inedite serre vetrate permettono affacci  panoramici sulla valle. Come antichi fienili gli edifici non appoggiano direttamente a terra ma sono sul fronte sud sospesi verso la valle, per permettere al prato di lambirne da sotto i profili.  

 

Committenza: Consorzio PLAN REVEL

 

Bardonecchia, Torino, 2014

Complesso Residenziale montano